“Telemaco prigioniero” di Eros Salonia, un inno all’amore contro la guerra e gli stereotipi di genere Contea Caravaggio Museum – Masterfull Work – A cura del Critico d’arte Melinda Miceli

Dopo l’appuntamento di Villa Melania a Messina torna al Contea Caravaggio Museum di San Giovanni la Punta –Catania, lo spettacolo “Telemaco prigioniero” dell’attore Eros Salonia, che si terrà per l’Evento d’arte Masterfull Work del 31 Gennaio 2020. Il musicista e cantante Vincenzo Guerazzi accompagnerà Salonia nella sceneggiatura di una prova attoriale poliedrica che unisce il canto, al ballo alla recitazione, interpretando disparati ruoli, sempre con disinvoltura e vivacità.

Dall’edizione greca originale dell’Odissea di Allen di Oxford, la traduzione di Rosa Gazzara Siciliano, ci restituisce nella forma del racconto dialettale, una libera interpretazione del testo in chiave moderna dove miti e leggende riprendono l’Odissea vista con gli occhi di Telemaco, figlio di Ulisse, in una visione onirica. Tornando a calcare il palcoscenico dopo anni, come regista Salonia, attraverso atmosfere caustiche, porta in scena una Telemachia contemporanea, laddove il protagonista incarna l’orfano di un guerriero, per il quale è ammissibile vivere tralasciando il profilo umano e il ruolo di padre-eroe, valore di archetipo, di primo esemplare e modello ideale impersonato da Odisseo. Telemaco è la prima figura adolescenziale descritta dalla poesia greca, la poesia, portatrice di ideali e valori, modello d'insegnamento morale agli uomini. In questa rappresentazione attraverso continui colpi di scena e una vena di neorealismo, Telemaco scoprirà di essere prigioniero in un ospedale psichiatrico, mentre rivedeva se stesso e la storia del padre.

In questo poema Telemaco rappresenta la successione di Ulisse e Penelope vicini al tramonto della loro vita, grazie alla sua formazione, gli insegnamenti e i saggi consigli ricevuti dagli anziani, altresì quel personaggio interprete del nuovo futuro, della vita che riprende, anche dopo la scomparsa delle grandi figure che hanno caratterizzato la storia di Itaca. È l'Odissea di Omero vista attraverso gli occhi naufraghi del figlio Telemaco, un inno all'amore contro la guerra del padre, il naufragio di entrambi contro gli stereotipi di genere. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *